Vassalli: le streghe e le donne annidate nelle parole

Per il Torneo letterario di Robinson ho letto due romanzi, due grandi romanzi: Memoriale di Paolo Volponi e La Chimera di Sebastiano Vassalli. Ne dovevo scegliere uno e ho optato per Vassalli perché mi ha colpito fino a farmi commuovere in più di un passaggio. Volponi mi aveva trascinato in un mondo alienante, in mezzo a un narratore che non sapevo se credere, in una realtà che sentivo vicina e distante allo stesso tempo. A tratti, mi ha fatta incazzare il Saluggia di Volponi. 

Antonia, invece, mi ha ricordato che nonostante i secoli, è cambiato poco, quasi nulla. Mi ha ricordato che sono donna anche io e che nonostante la minigonna e le calze di nylon, siamo ancora di due specie: streghe e angeli.  

Con La chimera (ed. BUR Rizzoli), Sebastiano Vassalli racconta il presente. Non solo quello del 1600, non solo il suo, ma anche il nostro. È il presente semplice degli inglesi, quello che dura così tanto da risultare «per sempre», poiché il procedere della storia umana, nelle sue pieghe più intime, è uno eterno, incerto, a tentoni, con scettri che passano di mano in mano e vincitori che raccontano le proprie gesta. 
Per fortuna c’è uno spazio in cui il potere, umano o divino che sia, non ha alcuna efficacia: la lingua; quella viva, parlata, che sa di terra e di sudore. È la lingua a custodire la verità sulle nostre credenze, sui nostri costumi, sul nostro passato. Infatti, ne La chimera, le donne avevano le lune e non hanno mai smesso; amano ancora i diavoli e pagano con la vita.
Lo stile, coinvolgente e di ampio respiro, è come un’equivalenza chimica: a ogni molecola di verità equivale una molecola di riflessione. 

La prima riflessione che mi ritorna in mente a distanza di settimane dalla lettura si intreccia con l’attualità, con le parole della ministra Azzolina che si congratula con se stessa per la buona riuscita della didattica a distanza, senza un minimo accenno al fatto che, se vi è una forma di successo, questo è dovuto soprattutto a chi sta a fianco ai figli, a chi li segue, a chi li sostiene. È un successo condiviso tra docenti, studenti e genitori, anzi mamme

Cuoche, infermiere, insegnanti, donne delle pulizie e poco streghe, perché le streghe sono ribelli, non accettano facilmente le regole, notano le incongruenze, pensano. Qualcuna agisce anche. 

Non è il caso di Antonia. Antonia, la strega di Vassalli, subisce, perché è figlia del suo tempo e in quanto tale, sebbene capisca più di quanto dovrebbe capire una orfanella, non può fare nulla per sottrarsi al suo destino. Avrà una fine atroce, assurda e, in minima parte, misericordiosa. 

Il mondo brucia le streghe, ma preserva gli angeli, quelli del focolaio, s’intende. Lo faceva nel 1600 e lo fa oggi, persino ai nostri complessi tempi da COVID19.

Ci si accorge degli scienziati o dei medici donne per il tempo di un titolo, che ai giorni dell’informazione via Facebook, è questione di istanti. E quando si può apprendere qualcosa, modificare il vecchio paradigma colpito e affondato dal coronavirus, il mondo si aggrappa ancora a una visione maschilista, senza operare la sintesi, superando la dualità. 

La questione è semplice, i dati parlano chiaro. In casa, sono per lo più le donne a gestire e sostenere la famiglia, seguendo i figli, igenizzando casa e spesa, provvedendo all’armonia psicologica del nucleo. Fuori, sempre i dati fotografano una realtà in cui le donne vengono meno colpite dal nuovo virus trasformandole nelle migliori candidati per una possibile ripresa economica del paese.  Nell’ottica di una maggiore sicurezza. 

È roba da streghe, però, da anti-angelo, ed è già successo in passato, si pensi agli USA della seconda guerra mondiale. Ne seguì un’impertinente presa di coscienza, e fu considerata assurda la pretesa delle donne di mantenere il posto di lavoro, invece di accettare di essere scartate quando gli uomini ritornarono dal fronte. 

Il destino delle streghe è quello di essere bruciate, a prescindere dall’epoca di appartenenza. Vero, Antonia? 

Venere in pelliccia: il piacere del dolore

Venere in pelliccia è un romanzo che risale al 1870, scritto dal giornalista e scrittore austriaco di origini ucraine Leopold von Sacher-Masoch dal quale deriva anche il termine «masochista». Il libro è disponibile in ebook, in audio libro e in forma cartacea pubblicato da diversi editori (inclusa una versione uscita per Mondadori).

La storia di Venere in pelliccia è semplice e curiosa. Il narratore, in visita per bere un the in compagna del suo amico Severin, nota un certo quadro e racconta di un suo sogno di una donna che identifica con Venere. C’è una specie di sovrapposizione tra il quadro di Venere e quello in cui sono ritratti Severin e una donna con frusta e pelliccia. 

È così che Severin decide di consegnare all’amico narratore un diario che racconta l’esperienza vissuta con una certa giovane vedova, ricca e bella. Wanda von Dunajew

Nel descrivere la donna Sacher-Masoch è un maestro, certi dettagli sono accurati come accurato deve essere lo scultore nel gesto di scalfire il marmo. La vedi, tu lettore, questa Wanda dalla voce squillante, dalla risata cristallina, dalle movenze leggiadre. La vedi anche quando si trasforma, solleticata dalle richieste di Severin. 

Wanda segue una filosofia di vita votata al piacere. Gli impegni non le piacciono, infatti, quando Severin le chiede la mano, lei rifiuta. Gli propone in cambio un anno di convivenza, un banco di prova per capire le compatibilità (ricordo che siamo nel 1870, quando esce il romanzo). 

Severin, senza mezzi termini, si offre come schiavo. Le consegna gli averi, firma un contratto in cui si trasforma in proprietà della bella Wanda, e anche una lettera di accompagnamento di un possibile suicidio. La sua amata ha diritto di vita e di morte su di lui. Secondo le leggi antiche della schiavitù. 

Il gioco è altalenante, conoscere i pensieri di Severin mette il lettore di fronte a certi interrogativi, si comprendono i meccanismi che lo tengono legato alla frusta della sua padrona. 

L’idillio tra Wanda e il suo schiavo conosce una battuta d’arresto nel momento in cui sulla scena appare il rude Alexis Papadopolis che strega la dominatrice, che umilia ancor di più lo schiavo Severin con frustate stimolando le risate della padrona. 

Wanda si innamora di Alexis e questo sentimento la mette in una posizione di debolezza, perde qualcosa del suo fascino di dominatrice, dettaglio che diventa la riprova che Wanda era sì dominatrice, ma solo in nuce. 

La riflessione diventa interessante nella misura in cui si aggiunge, alle conclusioni di Masoch, il fatto che la psicoanalisi definisca la donna come tendente al masochismo, anzi, per alcuni scienziati, la donna è geneticamente predisposta al masochismo fintanto che ha le mestruazioni, partorisce, viene deflorata (con tanto di rottura di imene, perdita di sangue e relativo dolore). Sembra che la donna sia geneticamente meno raffinata nella distinzione del tipo di piacere che sta irrorando il suo giardino neuronale, altamente confusa anche da un fattore organico: i ricettori periferici del dolore e del piacere sono gli stessi e questo fa sì che il dolore produca endorfina e quindi euforia.  

Di contro, l’uomo, geneticamente meno avvezzo al dolore, sarebbe più raffinato nel distinguere la fonte dell’euforia. 

Eppure, sono molti i martiri maschi (e del loro piacere del sacrificio estremo, Masoch dà un’interpretazione che ha stimolato molte riflessioni), gli artisti, i filosofi, gli scrittori (maschi) i cui personaggi raccontano di loro tendenze masochiste (in Zola, in Petrinio Arbitro, la leggenda narra anche di Aristotele a quattro zampe sulla cui schiena è seduta a cavalcioni Filde con una frusta in mano, lo stesso Masoch da cui il nome) da far sorgere il dubbio che la tendenza masochista femminile innata sia indotta. Una conseguenza dei demoni che abitano i fondali del mondo maschile. Demonizzare ciò che ti spaventa, una forza che non puoi controllare: non sarebbe la prima volta che gli uomini si comportano in questo modo, finendo per trasformare un vantaggio (resistere al dolore, confonderlo negli effetti con il piacere) in un difetto e producendo un’etichetta secondo cui il genere femminile propende alla sofferenza, al dolore, alla schiavitù. 

Wanda, la Venere in pelliccia, infatti impara a dominare, non è dominatrice nata. Lo impara, tuttavia, stimolando una certa predisposizione, una certa visione doppia secondo la quale riesce a trarre godimento sia dal piacere sia dal dolore.