Memoriale. Un narratore inaffidabile

Ho partecipato al Torneo letterario di Robinson di Repubblica come tanti, immagino. Leggere è più di una passione per me, è la mia compulsione. Leggere sotto la guida di un’importante testata giornalistica, mi sembrava un’esperienza molto interessante. Ho aderito. Poi, lo confesso, non avevo ben capito quanto avrei letto e come avrebbe funzionato il Torneo

Flirtavo con l’idea di diventare di professione lettore. Sai mai? 

Memoriale

Per il Torneo, mi è capitato in lettura Memoriale di Paolo Volponi (Einaudi Editore) e La chimera di Sebastiano Vassalli (di cui ve ne parlerò presto). Tra i due, per me Vassalli ha raccontato una storia che è andata dritta al cuore perché, più di un’operaia, sono una donna che vede come il mondo non abbia ancora smesso di bruciare le sue streghe. 

Sono anche un’ex operaia, però. Non in fabbrica, ma per un’azienda di trasporti, assunta via cooperativa. Forse, ecco, ho conosciuto la versione ancor più difficile dell’essere operaio. 

Memoriale esce nel 1962, ma non per questo è meno attuale. 

Paolo Volponi

La storia è presto detta.

Saluggia, Albino Saluggia, è un reduce della seconda guerra mondiale. È giovane, con le sue idee fisse, un po’ timido, poco avvezzo del mondo. Viene assunto in una fabbrica del Nord Italia e qui le sue paranoie prendono una piega definitiva. Diventa nevrotico, paranoico, è un narratore inaffidabile mentre, convinto che i medici della fabbrica stiano complottando alle sue spalle, per licenziarlo, racconta la sua disavventura nella fabbrica e alle prese con la malattia. 

Perché, sebbene Saluggia non voglia ammetterlo o si affidi a dottori improvvisati, è malato. Ha la tubercolosi. Deve curarsi in un sanatorio, deve seguire una cura ben precisa, che lui rifiuta. 

Cosa può succedere nella mente dell’uomo abituato a un ritmo, a una realtà, strappato da questa realtà e a questo ritmo, gettato nelle fauci della guerra e poi in un nuovo ritmo, quello della fabbrica, dove l’individuo perde il suo senso di essere, se non come prolungamento della macchina che deve utilizzare? 

Saluggia ha paura del complotto perché a lui fare l’operaio piace. O almeno così appare dalle parole del narratore che trasportano il lettore in una specie di labirinto da cui nessuna Arianna può aiutarti a uscire.  

È dai tempi della prima rivoluzione industriale, dagli albori della questione sociale, così come ci viene spiegata sui libri di scuola, che la realtà alienante della fabbrica è un nodo che non si è mai sciolto del tutto. 

Scrivo ai tempi del Covid19. Non posso farne astrazione. Ho letto il libro in tempi non sospetti, ma il nuovo assetto mondiale, martoriato da questo virus che ci distanzia fisicamente, mette in evidenza, in modo forte, spaventoso, proprio i limiti e le problematiche del mondo produttivo, delle fabbriche. 

Perché, nell’800, i deboli erano le donne e i bambini che lavoravano in condizioni assurde, ma anche i braccianti che avevano lasciato i campi dopo gli enclosures, e all’inizio del ‘900 c’era l’alienazione degli operai, le loro paure nei confronti della fabbrica che sembrava volerli inghiottire come un tessuto cicatriziale che cresce intorno a una ferita ricucita. Oggi sono gli stessi operai a pagare il prezzo dell’incertezza, della paura, alienati e frastornati tra mille ipotesi e poche regole chiare. A loro è chiesto di fare ripartire l’economia, a non farci mancare il cibo, a produrre mascherine e dispositivi che ci proteggano. A quale prezzo? 

Chissà cosa avrebbe scritto oggi Volponi. Forse avrebbe dato alle stampe un romanzo che gli avrebbe valso un terzo premio Strega.

Il cuore non si vede: a meno che non si disegni una mappa

Ho impiegato più tempo del solito per leggere Il cuore non si vede, l’ultimo romanzo di Chiara Valerio, uscito per Einaudi. Le ragioni non sono gli impegni lavorativi (sono tanto impregnata quanto prima) né i figli (nessuna aggiunta di eredi) né gli esami all’università (il numero si è mantenuto costante). Ho impiegato più tempo del solito perché l’ho centellinato, l’ho riempito di segni esclamativi e cuoricini e frecce che rimandano a un’altra pagina e questo per gran parte del romanzo. E poi, quando ho finito, l’ho riletto, aiutandomi con una personale mappa interpretativa. L’esperienza è stata in crescendo: in principio è stato come sfiorare un irresistibile sconosciuto, la seconda volta, invece, come tornare a casa da chi ami.  

Lo stile è da capogiro. È purezza, è letteratura al grado superlativo. L’alternanza di frasi ad ampio respiro e corte rende il romanzo avvolgente e caldo, mentre i dialoghi sono olistici, si estendono oltre la parola detta, oltre alla possibile gestualità che li accompagna. 

Il protagonista di questa storia è Andrea Dileva, un quarantenne, colto, enigmatico che vive con Laura, una donna abituata alle mancanze del suo compagno. Che potesse svegliarsi un giorno senza il cuore, però, no, a questo non era preparata. E, quella stessa mattina in cui scopre la mancanza, dopo essere stata seminuda a modo suo, perché ognuno è seminudo a modo suo, perde la pazienza. 

Andrea non può farci nulla, non è colpa sua. Non ha più il cuore nel petto, dalla cassa toracica non arriva alcun suono, alcun fremito, sebbene lui stia bene. Cioè, è ancora vivo. Un miracolo? Un prodigio? Un non morto? Non lo sa nemmeno lui che cosa sia, ma è preoccupato. Che ne sarà di lui? 

Nella visione di Chiara Valerio, la vita di Andrea Dileva diventa una metafora delle relazioni che, a tratti, stimola la memoria. Ho percepito una fragranza kafkiana e sono rimasta inebriata, perché Chiara Valerio la incapsula in una nuova forma, la ridisegna e sorprende. 

Una delle prime domande espresse, destinate a riverberare nella testa per tutto il tempo della lettura, è se «avere una relazione significa giocare allo stesso gioco». La risposta non è immediata, bisogna percorrere la vicenda di Andrea, ma anche di Laura, di Carla, di Angelica, di Cristina e, un po’, di Roxana. 

Si scopre che il telefono è quasi una prova ontologica e che le parole dell’infanzia possono plasmare un uomo. «La madre voleva, per Cristina, sua sorella, i capelli sì lunghi ma legati in una coda di cavallo quando era in classe. A scuola devi andare in ordine, o devi essere in ordine, utilizzo dei verbi che gli aveva procurato fin dai primi anni un errore di sinonimia tra essere e andare e dunque tra stare e andare, dubbio che, ancora, persisteva nella sua vita sentimentale». 

Se Andrea Dileva affascina con le sue mancanze e la sua passione per la mitologia, che è pure il suo lavoro, Angelica, la sua amica medico, che indaga sulle cause della sua insolita patologia, è il mio personaggio preferito. Fuori dalle righe, sveglia, ironica è la fluidità incontenibile dell’acqua. E, quando Roxana, la donna delle pulizie, cerca di contenerla in categorie mentali imposte da una società monocromatica, l’impatto dà vita a pagine pittoresche, frizzanti e di una profondità di riflessione davvero straordinaria. 

Il mio invito non è quello di leggere (anche se Leggere comanda), il mio invito è quello di disegnare la vostra personale mappa che, attraverso Il cuore non si vede, renda visibile ciò che pareva non lo fosse e sfuggiva, questo perché «cosa c’è oltre l’umana comprensione e conoscenza? Niente, la comprensione e la conoscenza nascono con l’uomo».