Se Dio fosse una donna: alle origini del mondo

Volevo che non finisse mai. Volevo che la lettura si protraesse all’infinito, che i proverbi yiddish continuassero a sorprendermi nonostante fossi reduce da un altro libro, molto intenso, che raccontava il rovescio della medaglia, la versione palestinese. Ma, nonostante ciò, fui catturata dalle pagine. Forse perché la cultura, la tradizione ha poco a che fare con la sua interpretazione e con il potere che spinge il presente a diventare violento, intransigente, aberrante. Forse, se la cultura e la tradizione non fossero più manipolate, ma solo vissute, smetterebbero di creare mostri, dolore e sofferenza.  

Fatto sta che, nonostante i sentimenti contraddittori dovuti alla storia recente legata alla nascita dello Stato di Israele, leggere Se Dio fosse una donna. SuperTex di Leon De Winter (pubblicato in Italia da Marcos y Marcos nella traduzione di Elisabetta Svaluto Moreolo) è stato come scavare le origini della creazione del mondo. Perché se il mondo, la realtà è narrazione, i proverbi citati da De Winter mostrano come abbiamo iniziato a raccontarci le nostre verità. 

Max ha trentasei anni, è un uomo ricco, erede della SuperTex, un impero tessile che vende a Amsterdam abiti cuciti e confezionati in Thailandia, a prezzi stracciati. È il figlio di un sopravvissuto ai lager nazisti. E ciò ha il suo peso. 

Tutto ha inizio una mattina. Max deve telefonare al partner tailandese e recriminargli delle insolvenze. Si sveglia presto, lascia il corpo caldo, snello e satinato della splendida Maria ancora avvolto dalle lenzuola profumate. Sono le sei del mattino e, se si fa questa levataccia, è per una questione di fusi orari. Deve parlare urgentemente con Jimmy Ch’in. Sulla scrivania, però, si rende conto mentre sta per iniziare la telefonata, ci sono i documenti sbagliati. La segretaria gli ha preparato il fascicolo errato. La rabbia diventa lava incandescente. Invece di chiamare Jimmy, chiama l’impiegata e la licenzia in tronco. 

Maria, dolce ma anche autorevole, gli suggerisce di fare una scappata in ufficio, prendere i documenti, chiamare Jimmy per risolvere la questione e tornare tra le lenzuola stropicciate e calde. Semplice, no? 

Max guida una Porsche. È un ebreo con la Porsche. Un ebreo non credente, non ortodosso, ateo, che ironizza sulle tradizioni millenarie. In fondo, la cucina kosher è la cucina di gente che viveva nel deserto. Cosa c’entra quel mondo con questo attuale? Non è assurdo applicare all’oggi i dettami di una realtà anacronistica? Guarda fuori dalla finestra: non c’è il deserto a Amsterdam. 

Max guida una Porsche. Non ha il cappello, ma un girovita pesante e una Porsche. La guida di sabato, per giunta. E a gran velocità, mentre attraversa il centro per raggiungere l’ufficio. Le strade sono deserte e questo deserto gli si ritorce contro. Non vede la famiglia di ebrei ortodossi pronti a attraversare la strada, diretti alla sinagoga. Indossano il cappello, hanno i riccioli tradizionali e si salvano per miracolo, o, anzi, perché la Porsche ha un ottimo sistema di frenata. Le lesioni provocate dall’incidente sono minime: una gamba rotta per il ragazzo sedicenne. Roba da nulla, assicura l’avvocato di Max. 

Eppure ci ritroviamo davanti all’applicazione pratica di una delle leggi della fisica quantistica. Due sistemi che sono entrati in collisione continuano a avere effetti gli uni sugli altri anche nel momento in cui si separano. Quell’incontro segna un punto di rottura nell’universo di Max. 

Max sente il bisogno di rivolgersi a una psicoanalista. E ecco il personaggio più misterioso e affascinante di questa storia. La dottoressa Jansen si limita a ascoltare, a porre domande e a non pensare. Perché lei non pensa, come dirà al signor Max Breslauer. Pensare è compito del paziente. 

Dura un giorno, la storia di Max. Un giorno, tante generazioni e vite. Come tutte le storie. Come l’intera Storia. Un attimo, miliardi di attimi.